Calmonte

Quando la tecnologia è un abito su misura

Calmonte, un’agenzia italiana di rappresentanza nel settore del tessile, utilizza da tempo la tecnologia Apple. È passata dal Mac a iPhone e iPad, creando un’impresa mobile, dinamica e scalabile.

“A noi serve un’infrastruttura IT che sia veramente facile da usare, in modo da poter svolgere il nostro lavoro senza dover pensare a come funzionano gli strumenti, senza dover avere conoscenze informatiche né personale IT interno. Grazie alla tecnologia Apple, possiamo occuparci del nostro core business senza dover diventare esperti informatici.”

Massimo Calmonte, responsabile della divisione Coordinamento e vendita tessile Italia di Calmonte

Massimo Calmonte è responsabile della divisione Coordinamento e vendita tessile Italia di Calmonte S.r.l., impresa a conduzione familiare che ha sede a Bassano del Grappa e ha appena 11 dipendenti. Fondata nel 1970 dal padre Ezio, Calmonte è un’agenzia di rappresentanza per produttori di biancheria per la casa e abbigliamento: nel Nord-Est rappresenta produttori tessili italiani, e sull’intero territorio nazionale rappresenta in esclusiva produttori esteri di India, Pakistan e Turchia.

I suoi clienti sono prevalentemente aziende italiane, ma negli ultimi anni Calmonte ha esteso le proprie attività ad altri mercati europei, con il duplice obiettivo di sviluppare opportunità di commercializzazione di prodotti a marchio proprio per importanti rivenditori al dettaglio da un lato, e svolgere attività di rappresentanza a livello paneuropeo per i fornitori indiani con cui collabora dall’altro. Il perdurare della crisi economica in Italia ha spinto Calmonte a cercare opportunità di crescita nei mercati emergenti, in particolare in India e in Sudafrica.

“Le buone opportunità si possono trovare ovunque” afferma Massimo, “ma bisogna essere pronti a coglierle e a sfruttarle al meglio”. Questo significa che Calmonte deve affrontare il lavoro in modo sempre più reattivo e flessibile.

L’utente prima di tutto

Fra i membri della famiglia che lavorano in azienda (in cui operano anche il fratello maggiore Riccardo e il cognato Francesco Baccin nella divisione abbigliamento), Massimo è il più giovane. E si deve a lui l’introduzione della tecnologia Apple in Calmonte, con l’acquisto del primo iBook nel 1999 per uso personale. “Quando Massimo ha portato in azienda il suo iBook, è stata una rivelazione” afferma papà Ezio. “Nel giro di due ore ho imparato a inviare email, contattare i nostri fornitori in India... tutto!”

L’uso della tecnologia Apple migliora anche l’immagine di Calmonte agli occhi dei suoi clienti. “Nel nostro business è fondamentale il modo in cui ci percepiscono i clienti, dalla prima presentazione agli strumenti che usiamo” spiega Massimo. “Ma dietro la facciata ci deve essere sostanza, e usare prodotti raffinati come quelli di Apple avvalora l’immagine che vogliamo dare. E dato che Apple ci permette di concentrarci sui contenuti e su ciò che dobbiamo fare, invece che sulla tecnologia, possiamo presentare le nostre offerte ai clienti con maggiore efficacia e proporci in modo più professionale e competente.”

Un altro vantaggio della tecnologia Apple è la facilità di utilizzo e di gestione, non richiedendo competenze informatiche particolari. Massimo spiega: “Per noi è importante restare al passo con le tecnologie più innovative, perché l’informatica ci dà un vantaggio concreto sul mercato in termini di capacità di assistere i clienti e rappresentare i fornitori. Allo stesso tempo, la nostra azienda è troppo piccola per potersi permettere un responsabile informatico interno”.

“Le soluzioni Apple sono molto scalabili” conclude. “Per questo è facile ampliare gradualmente la nostra infrastruttura, senza cambiamenti drastici, man mano che la nostra attività si espande in altri Paesi e con più collaboratori.”

Massimo Calmonte, responsabile della divisione Coordinamento e vendita tessile Italia di Calmonte

Una soluzione scalabile

L’utilizzo sempre più diffuso delle soluzioni Apple da parte dell’azienda è in effetti prova della loro scalabilità. Calmonte ha acquistato il primo computer aziendale, un iBook, nel 2004. Dopo sei anni l’azienda possedeva quattro iMac per il personale d’ufficio e vari modelli di notebook per i cinque agenti commerciali. Aveva inoltre acquistato alcuni iPhone e utilizzava le tecnologie di connessione in rete integrate in Mac OS X per condividere i dati tra le diverse piattaforme. Oggi Calmonte continua a utilizzare gli iMac, ma il lavoro fuori ufficio è svolto prevalentemente su uno dei sei iPad aziendali.

“Uno dei vantaggi che ci offrono le soluzioni Apple è l’assenza di problemi nell’utilizzo di diverse generazioni delle varie tecnologie e la possibilità di accedere alle stesse informazioni da qualsiasi dispositivo” spiega Massimo. “Passiamo più tempo fuori sede e quando non siamo in ufficio non abbiamo necessità di produrre molti contenuti. L’iPad è perfetto per consultare i listini aggiornati, trovare i recapiti dei clienti o fare videochiamate. E si accende e spegne in un attimo. Certo, abbiamo ancora bisogno della potenza dei MacBook, ma nel 90% dei casi li usiamo come desktop.”

“Gli iPad sono una soluzione geniale per il commerciale perché sono molto piccoli e leggeri, e quindi comodi da trasportare” dichiara Massimo. “Allo stesso tempo sono abbastanza grandi da consentirci di mostrare le immagini o i listini dei prodotti ai clienti, usare il browser e l’email o accedere a documenti di Word o Excel. E mentre con un notebook di solito ti siedi per poterlo usare, con l’iPad puoi cogliere al volo le occasioni per mostrare rapidamente qualcosa al cliente, ovunque tu sia.”

Calmonte usa Time Machine per creare una rete wireless per l’ufficio ed effettuare backup automatici di tutti i computer aziendali. “Fare il backup dei computer fissi dell’ufficio non era difficile; lo era molto di più trovare il tempo per fare backup regolari dei portatili” spiega Massimo. “Con Time Machine i backup vengono gestiti in automatico e in modo molto efficiente, così non dobbiamo più preoccuparcene.”

Calmonte utilizza anche un Mac mini con OS X Server per ospitare un’applicazione creata ad hoc da uno sviluppatore locale (che attualmente sta mettendo a punto anche la versione per iPad). Basata su MySQL e PHP, questa app gestisce tutte le interazioni con i fornitori, consentendo al personale di Calmonte di immettere e gestire gli ordini fino alla consegna finale, da qualsiasi postazione e tramite un semplice browser. I fornitori esteri possono usare questo stesso sistema per ottenere informazioni sugli ordini più complessi ricevuti da Calmonte. “È fondamentale poter raccogliere in un solo posto tutte le informazioni aggiornate in modo che siano consultabili da tutti i nostri fornitori e dai nostri uffici esteri. Vuol dire meno errori e comunicazioni più rapide” afferma Massimo.

Il Mac mini con OS X Server offre ottime prestazioni ed è estremamente affidabile e stabile, come tutti i computer Apple utilizzati da Calmonte. “Da quando lo abbiamo installato, ormai diversi mesi fa, il Mac mini con OS X Server ha sempre funzionato senza interruzioni e non abbiamo mai dovuto riavviarlo. E negli otto anni di utilizzo delle tecnologie Apple non abbiamo mai avuto alcun problema di virus” dichiara Massimo.

“Con il Mac non dobbiamo mai preoccuparci di compatibilità tra hardware e software, né di computer bloccati, e così possiamo concentrarci completamente sui contenuti e sui risultati, e non sulla tecnologia. E poi l’autonomia delle batterie è davvero ottima rispetto ai PC.”

Massimo Calmonte, responsabile della divisione Coordinamento e vendita tessile Italia di Calmonte

Ridurre il costo totale di gestione

Il principale vantaggio riscontrato da Calmonte è indubbiamente la facilità di utilizzo e di gestione, ma Massimo aggiunge che la tecnologia Apple è un ottimo investimento anche dal punto di vista economico. “Il costo totale di gestione è inferiore, perché l’hardware ha un ciclo di vita molto più lungo e non si deve perdere tempo a cercare di risolvere problemi tecnici come accade per i sistemi Windows” spiega. “Il mio MacBook Air del 2008 forse è archeologia tecnologica ma va ancora alla grande. Non ci ho dovuto spendere un euro da quando l’ho comprato!”

“Se questo aspetto è importante per l’uso personale, lo è ancora di più per l’uso aziendale. Il mio tempo sul lavoro costa più di una domenica pomeriggio trascorsa a installare un aggiornamento software. Nei cinque anni che abbiamo avuto i prodotti Apple in ufficio abbiamo dedicato pochissime ore alla loro gestione. Ogni mattina accendi il computer e ogni sera lo spegni. I problemi informatici sono un lontano ricordo.”

“Ed è possibile restare al passo con le ultime versioni software, si tratti di sistemi operativi o applicazioni, senza dover aggiornare neppure l’hardware.”

Nel corso degli anni, Calmonte ha inoltre acquistato diversi iPhone per tutte le comunicazioni mobili. “Con gli iPhone abbiamo l’email sempre in tasca e possiamo risparmiare molto tempo, controllando la posta e rispondendo ogni volta che abbiamo un minuto libero, anche se passiamo tanto tempo fuori sede” spiega Massimo. “Inoltre gli iPhone hanno fotocamere molto potenti con cui possiamo scattare foto dei prodotti con una qualità apprezzabile dai clienti, quindi non siamo costretti a portare con noi anche una macchina fotografica.”

Calmonte ha installato una copia di Microsoft Office per Mac su uno dei suoi computer, in modo da garantire la compatibilità con i documenti scambiati con i fornitori. Ma per la maggior parte delle altre attività vengono usate le applicazioni standard di OS X. Ad esempio, per restare in contatto con la sede indiana di Mumbai, Calmonte utilizza iPhoto per archiviare, indicizzare e condividere le foto dei prodotti, Mail per la posta elettronica e Messaggi per videochattare. Per quanto riguarda le app, Massimo spiega che Evernote, GoodReader, File Browser e Things di Cultured Code sono ormai perfettamente integrate nelle attività aziendali.

Tutto il team di Calmonte è unanime: la tecnologia Apple ha avuto un ruolo centrale nella crescita dell’azienda negli ultimi anni, offrendo gli strumenti necessari per lavorare in modo più efficiente senza dover assumere esperti informatici o contare su consulenti esterni.

“Apple fornisce alle piccole aziende come la nostra gli stessi vantaggi e le stesse strutture a disposizione delle grandi imprese, ma senza la necessità di diventare esperti informatici.”

Massimo Calmonte, responsabile della divisione Coordinamento e vendita tessile Italia di Calmonte

“Possiamo avere tutti gli strumenti che ci servono e concentrarci sulle attività del nostro core business, perché l’infrastruttura informatica fornita da Apple è davvero facile da usare e gestire. Anche l’attenzione di Apple ai minimi dettagli ci è stata di ispirazione: ci ha aiutato a capire l’importanza dei particolari, approccio che abbiamo poi trasferito nel nostro lavoro.”

Istantanea dell’azienda

Strumenti

Hardware:

  • Mac
  • iPad
  • iPhone

Software:

  • OS X Server
  • Microsoft Office per Mac
  • iPhoto
  • Mail
  • Messaggi
  • Time Machine