Materiali più sicuri

Abbiamo due ottime ragioni per eliminare i materiali tossici: il pianeta e i suoi abitanti.

Abbiamo analizzato più di 10.000 componenti. Ed è solo l’inizio.

Abbiamo dato il via al Full Material Disclosure, un programma di totale trasparenza sui materiali, per identificare tutte le sostanze presenti nei componenti che utilizziamo: siamo già riusciti ad analizzare più di 10.000 singole parti, e il numero cresce di giorno in giorno. Usiamo 18 criteri diversi per valutare le sostanze chimiche rilevate, e questo ci aiuterà a capirne meglio gli effetti sulla nostra salute e sull’ambiente.

I più pericolosi elementi tossici. Ecco cosa ne abbiamo fatto.

Quando rileviamo una sostanza nociva nei nostri prodotti, troviamo il modo di ridurne la quantità, eliminarla del tutto o sviluppare nuovi materiali più sicuri. Ci adoperiamo anche per rimuovere le sostanze tossiche dai nostri processi produttivi e metodi di riciclo, proteggendo così i lavoratori e limitando l’inquinamento geologico, idrico e atmosferico.

Berillio
Rilevato nelle leghe di rame usate per la produzione di connettori e molle. Stiamo eliminando questa sostanza da tutti i nuovi prodotti.
Mercurio
Eliminato dal 2009. Nei nostri display abbiamo sostituito le lampade a fluorescenza contenenti mercurio con i LED, privi di mercurio e anche più efficienti sul piano energetico.
Piombo
Del tutto eliminato dai nostri display e dalle saldature a partire dal 2006.
Arsenico
Tradizionalmente usato nella produzione del vetro. Noi l’abbiamo eliminato dai vetri dei nostri display a partire dal 2008.
PVC e ftalati
Ancora usati nei cavi di alimentazione e degli auricolari prodotti da molte aziende. Noi abbiamo sostituito queste sostanze con elastomeri termoplastici.*
BFR (ritardanti di fiamma bromurati)
Eliminati da migliaia di componenti come chassis, circuiti stampati e connettori a partire dal 2008. Sostituiti con idrossidi metallici e composti fosforici, più sicuri.

Controlliamo tutto. E poi ricontrolliamo tutto.

Dai nostri fornitori pretendiamo standard ben più rigidi di quelli previsti dalle leggi locali a tutela dell’ambiente. Per questo i tossicologi nel nostro Environmental Testing Lab analizzano rigorosamente i materiali usati, con test approfonditi come la spettrometria di massa a plasma accoppiato induttivamente, la spettrografia di fluorescenza ai raggi X, la spettroscopia LIBS, la cromatografia ionica e la gascromatografia.

Possiamo fare molto. Insieme, possiamo fare anche di più.

Teniamo molto ai consigli e alle idee di chi come noi si impegna a bandire le sostanze tossiche. Per questo abbiamo costituito un Green Chemistry Advisory Board, il nostro comitato per la chimica sostenibile: riunisce tossicologi, ricercatori e accademici di fama mondiale, e ci aiuta a trovare modi innovativi per ridurre al minimo o eliminare i materiali tossici dalla nostra filiera. Inoltre invitiamo periodicamente esperti da tutto il mondo che, insieme ai dirigenti Apple, lavorano per eliminare le sostanze nocive da ogni fase della produzione. E siamo sempre pronti a confrontarci anche con le maggiori ONG, in cerca di idee e consigli per rendere i nostri prodotti e processi produttivi ancora più sicuri.