Pianeta iPad

Vince solo chi sa cambiare marcia.

Mark Post, proprietario e pilota del team Riviera Racing. Nelle gare di endurance fuoristrada come il Baja 1000, anche solo arrivare al traguardo è un successo. Ma il team Riviera Racing usa l’iPad per aumentare le proprie possibilità  di arrivarci davanti a tutti.

Da oltre vent’anni Mark Post gareggia in Baja California e ne conosce a menadito ogni duna, ogni arbusto e ogni dirupo. Proprietario del team Riviera Racing, è stato il vincitore del Baja 1000 nel 2007: nessuno meglio di lui sa quanto sia difficile vincere su uno sterrato.

“Per molti è la gara automobilistica più dura di tutte: dopo il via ti aspettano mille miglia di guerra senza tregua”, spiega Post. “Perciò serve un piano di battaglia. E un lavoro di squadra enorme.” Durante la gara, Post e il suo navigatore sul trophy truck sono supportati da 75-100 altri membri del team da postazioni fisse, due aerei, un elicottero e sei veicoli al seguito. “I veicoli sono carichi di pezzi di ricambio e di tutto quello che potrebbe servire al trophy truck in gara, e si spostano strategicamente lungo il percorso. Gli aerei fanno da ponte radio tra il trophy truck e il resto del team. E l’elicottero è una misura di sicurezza.”

“Correre qui è come andare in guerra.  Il supporto aereo e di terra è fondamentale per vincere. E l’iPad rende il nostro team più efficiente.” Mark Post, proprietario e pilota del team Riviera Racing

Coordinare una squadra così numerosa in un’area così isolata costringe a pianificare tutto alla perfezione. Un tempo i piani strategici del team Riviera Racing erano sparpagliati tra cartine, grafici e checklist. Ora, con l’app MotionX GPS HD per iPad, il team carica il tracciato in una mappa satellitare dettagliata e vi sovrappone tutte le informazioni utili: pit stop, cambi di pilota, punti di rifornimento, strade di accesso per i veicoli di supporto e così via. Poi inserisce anche le tonnellate di appunti raccolti percorrendo ogni singolo miglio del tracciato nelle settimane che precedono la gara.

“Apple crea prodotti fantastici. Io, nella vita e nel lavoro, non uso nient’altro.”

“I team di supporto devono disporre di dati dettagliati su ogni curva, ogni gola e ogni ostacolo lungo il percorso. L’iPad è il denominatore comune con tutte le informazioni indispensabili per una gara vincente”, spiega Post. È possibile ingrandire e ridurre ogni parte del tracciato e ottenere all’istante dati precisi, prosegue, quindi “possiamo stabilire molto più rapidamente dove andare”. E decidere come gestire tutte le insidie tipiche della Baja California.

Mesi di preparazione del veicolo di gara, e settimane di prove, organizzazione e pianificazione del supporto si bruciano alla fine in 19 ore di corsa. “Non c’è una seconda chance. Nessun tasto replay. Per questo poter contare sull’iPad per la logistica pregara è fondamentale.”

Replay
“L’iPad ci aiuta a prevedere ogni variabile. È questo che fa la vera differenza tra la vittoria e la sconfitta.”