Lavorare con iPhone

RehabCare

iPhone e iPad per prestare cure e riabilitazione.

Come azienda leader nel settore dei servizi ospedalieri per la riabilitazione, le terapie medicali e chirurgiche, e i servizi non ospedalieri, RehabCare si pone un obiettivo importante: aiutare le persone a riprendere in mano la loro vita dopo i trattamenti medici. Ora RehabCare ha adottato iPhone e iPad per rendere più veloci, accurati e reattivi i servizi di assistenza offerti e le procedure interne.

Sia al quartier generale di St. Louis, Missouri che negli ospedali e nelle strutture mediche sparse per gli Stati Uniti, l’iPhone permette ai dipendenti di RehabCare di avere accesso immediato alle risorse di cui hanno bisogno, dalle applicazioni aziendali al telefono, le email, i contatti e i calendari.

“La mobilità è fondamentale per il nostro lavoro,” dichiara Dick Escue, Chief Information Officer. “Lavoriamo con più di 1.200 ospedali e strutture infermieristiche qualificate in 43 Stati e abbiamo 34 centri per la terapia intensiva e la riabilitazione a lungo termine. Gran parte del lavoro del nostro reparto informatico consiste nel fornire soluzioni a una forza lavoro dislocata in ogni angolo del Paese. Per rispondere a questa esigenza, usiamo iPhone e iPad.”

“Dotando i medici di questi dispositivi, possiamo condividere con loro informazioni prima impossibili,” afferma Jim O’Brien, Assistant Vice President of Technology Service. “I medici sono entusiasti dell’iPhone perché sanno che li aiuta a fornire cure migliori ai pazienti.”

Servizi più efficienti per i pazienti

Prima dell’iPhone, lo screening di ammissione dei pazienti richiedeva molto tempo e prevedeva l’uso di diversi moduli e questionari in formato cartaceo. Per semplificare il workflow, RehabCare ha creato un’app personalizzata per iPhone basata sulla piattaforma di sviluppo Force.com di Salesforce.com e l’ha distribuita attraverso l’App Store.

“Siamo partiti dal processo manuale cartaceo e abbiamo sviluppato un’applicazione basata su cloud in una settimana circa,” spiega Jayson R. Chitwood, Vice President di Information Services. “La raccolta dei dati dei pazienti è velocissima e le persone possono avervi subito accesso. È l’iPhone a rendere il trasferimento delle informazioni così immediato.”

RehabCare ha anche contribuito allo sviluppo di SmartTX Mobile di Casamba, un’app di assistenza che permette ai medici di registrare rapidamente le attività dei pazienti “in loco”. Grazie a Smart TX su iPhone, i medici possono registrare in modo preciso e completo le ore di attività per calcolare fatturazioni e compensi.

“Usare un dispositivo mobile in loco permette di risparmiare tempo,” dice Chitwood. “Acquisiamo informazioni sui trattamenti offerti, il tempo impiegato e qualsiasi altro dato clinico rilevante. In questo modo, la documentazione è più precisa e possiamo garantire maggiore conformità.”

Con iPad è tutto più semplice

Per RehabCare, il processo di distribuzione dell’iPhone era stato molto immediato e con l’iPad è stato ancora più semplice. “Sapevamo che saremmo riusciti a distribuire rapidamente l’iPad, perché gli ostacoli erano già stati superati con l’iPhone,” afferma Chitwood.

“Sapevamo che saremmo riusciti a distribuire rapidamente l’iPad, perché gli ostacoli erano già stati superati con l’iPhone.”

Jayson R. Chitwood, VP of Information Services, RehabCare Group

L’iPad è diventato lo strumento di lavoro per riunioni e presentazioni preferito dai dirigenti di RehabCare. “Lo preferisco a qualsiasi altro dispositivo per controllare le email o i calendari,” spiega Escue. “Ha una velocità e un’autonomia straordinarie. Ci sono giorni in cui non uso mai il computer, ma solo l’iPad.”

Con il suo display ampio e di facile lettura e il veloce accesso a internet, iPad non ha rivali come interfaccia mobile per applicazioni e documenti medici, permettendo di gestire strumenti diagnostici e di imaging, note sulle cure e moduli di accettazione dei pazienti. “Nel settore sanitario, l’iPad diventerà la nuova postazione di lavoro,” dichiara O’Brien. “Grazie all’iPad e alle tecnologie di virtualizzazione, non c’è più niente che non possiamo fare. Ci mancava il dispositivo giusto in termini di formato, dimensioni e funzioni. Ora è tutto lì dentro ed è semplicissimo.”

“Nel settore sanitario, l’iPad diventerà la nuova postazione di lavoro. Grazie all’iPad e alle tecnologie di virtualizzazione, non c’è più niente che non possiamo fare.”

Jim O’Brien, Assistant VP of Technology Services di RehabCare Group

Una gestione più intelligente dei dispositivi

iPhone e iPad si integrano facilmente nell’infrastruttura di gestione mobile dei dispositivi di RehabCare e richiedono solo un minimo di supporto e training. “Funziona e basta,” dice O’Brien. “È semplicissimo collegarsi a Exchange per gestire email, contatti e calendari.”

Il reparto IT di RehabCare usa l’app MobileIron per gestire e monitorare gli iPhone e gli iPad dell’azienda. L’interfaccia dettagliata e intuitiva permette di tenere traccia dei dispositivi personali, avviare cancellazioni a distanza e visualizzare report personalizzati in una dashboard di gestione.

“In questo modo possiamo vedere quali dispositivi sono conformi e quali devono essere aggiornati,” spiega O’Brien. “MobileIron offre una migliore rappresentazione visiva che permette di individuare i problemi. Questa soluzione ci garantisce il controllo di cui abbiamo bisogno e assicura che i nostri dispositivi mobili siano funzionanti e al sicuro in un settore regolato da numerose normative.”

Usando l’app di virtualizzazione Citrix, i dirigenti di RehabCare possono accedere a distanza ai server aziendali via iPhone o iPad. “Citrix ci permette di utilizzare su questi dispositivi qualsiasi applicazione aziendale,” spiega O’Brien. “È perfetta se voglio collegarmi ai nostri sistemi di informazione sanitaria o entrare nella mia postazione di lavoro.”

Un’azienda più sana

Dotare i dipendenti RehabCare di applicazioni iPad e iPhone mirate e facili da usare li aiuta a fornire cure migliori ai pazienti. E permette anche di avere una forza lavoro più motivata e risultati più sostanziali. “L’iPhone ha immediatamente soddisfatto, o addirittura superato, le nostre esigenze fondamentali,” dichiara Escue. “Riduce le spese e le esigenze di personale. Alleggerisce notevolmente il lavoro del team di assistenza.”

“L’iPhone ha immediatamente soddisfatto, o addirittura superato, le nostre esigenze fondamentali. Riduce le spese e le esigenze di personale. Alleggerisce notevolmente il lavoro del team di assistenza.”

Dick Escue, CIO, RehabCare Group

“Sia quando documentiamo un trattamento, mostrando a un potenziale paziente o a un membro della famiglia i nostri servizi, sia quando offriamo training ai nostri medici, ci appoggiamo sempre a un iPhone o iPad,” dice Chitwood.

“Per RehabCare, tutto ruota intorno alle persone,” aggiunge Escue. “Il nostro obiettivo è aiutarle a rimettersi in sesto e a tornare alla loro vita. Con iPhone e iPad, lo facciamo meglio.”

Istantanea dell’azienda

  • Fondata nel 1982
  • 18.000 dipendenti
  • Servizi di assistenza acuta e post-acuta a lungo termine
  • Opera in 1.200 ospedali e strutture in 43 Stati
  • www.rehabcare.com

Altri profili “Lavorare con iPhone”.