Quindici location, cinque continenti, un solo giorno di riprese: il 24 gennaio.

giorno

Ogni giorno, le persone usano il Mac, e la tecnologia che ha contribuito a creare, per fare cose incredibili. Il modo migliore per dimostrarlo era documentare una giornata intera in tutto il mondo. E quale giorno migliore del 30° compleanno del Mac?

location

Nel corso della giornata abbiamo raccolto un sacco di storie eccezionali. A Pompei, gli archeologi scoprono ambienti sepolti e li ricreano con rendering 3D. A Porto Rico un giornalista usa il Mac per montare le sue riprese video sul retro di una jeep. A Parigi dei ragazzini fanno musica con l’iPad, semplicemente muovendo le mani nella sabbia.

storie

Per riprendere un’intera giornata attraverso fusi orari così diversi ci sono volute in tutto 36 ore: comunque troppo poche per mostrare in quanti modi è cambiato il mondo negli ultimi 30 anni.

Girato con la videocamera più amata al mondo.

iPhone utilizzati per le riprese

Questo film non si limita a raccontare la potenza di una tecnologia che ora è alla portata di tutti, ma ne è un esempio concreto: ogni fotogramma è stato girato con un iPhone, con la stessa videocamera che milioni di persone usano ogni giorno in tutto il mondo.

ore di riprese

All’inizio gli operatori pensavano di aver bisogno di una quantità di attrezzature e di software professionali. Ma più facevano riprese di prova in vista del 24 gennaio, più si rendevano conto che la videocamera dell’iPhone 5s era in grado di soddisfare gli standard più elevati. Alla fine, con l’aiuto di poche strumentazioni aggiuntive, il grosso delle riprese è stato realizzato con il solo iPhone.

Al centro di tutto, la tecnologia Apple.

iPad utilizzati dalla troupe

Per dirigere le riprese in 15 location diverse, nello stesso giorno, Jake Scott ha trasformato un teatro di posa di Los Angeles in un centro di controllo, attrezzandolo con un arsenale di prodotti Apple, fra cui iMac, Mac Pro e iPad, e con grandi schermi di proiezione. Da qui poteva vedere ogni scena nel momento stesso in cui veniva girata, e dirigere l’azione in remoto via FaceTime. Molte delle persone che hanno partecipato a questa produzione sono convinte che il metodo innovativo adottato da Scott presto sarà imitato anche da altri.

Mac utilizzati per la produzione

Dall’inizio alla fine, ogni fase di questa produzione è stata possibile grazie a innovazioni tecnologiche che, in vari modi, derivano tutte dal primo Macintosh del 1984. Dalle storie filmate, ai dispositivi usati per le riprese, fino ai milioni di spettatori da tutto il mondo che guardano il risultato di questo lavoro sui loro Mac, iPhone o iPad. È una storia iniziata 30 anni fa, e solo Apple può raccontarla.

Negli ultimi 30 anni, alcuni innovatori hanno lasciato un segno nel mondo usando la potenza del Mac. Scopri le loro storie.

Ripercorri 30 anni di innovazione sul Mac