COMUNICATO STAMPA 23 giugno 2003

Apple e IBM presentano il processore PowerPC G5

Il primo processore desktop a 64 bit è il cuore del personal computer più veloce del mond

Milano, 23 giugno 2003 — Apple® e IBM hanno presentato congiuntamente il primo processore desktop a 64 bit del mondo, l'unità PowerPC G5. Basato sull'architettura leader di settore POWER di IBM, il processore PowerPC G5 è stato ottimizzato per i personal computer e costituisce il cuore pulsante del nuovo Power Mac® G5, il sistema desktop più veloce del mondo.
“Il processore PowerPC G5 è davvero rivoluzionario. Questo fuoriclasse a 64 bit è il motore del nostro nuovo Power Mac G5, oggi il computer desktop più veloce del mondo”, ha dichiarato Steve Jobs, CEO di Apple. “IBM vanta una competenza impareggiabile nel campo della progettazione e della realizzazione di processori e questo è soltanto l'inizio di una partnership di lunga durata che si rivelerà sicuramente molto produttiva”.
“Apple e IBM collaborano da oltre un decennio e, con lo sviluppo del processore PowerPC G5, il legame si è ulteriormente consolidato: ora Apple ha accesso a un ampio portfolio di avanzate tecnologie IBM, adottate nei nostri server e supercomputer ad alte prestazioni”, ha spiegato John Kelly, Senior Vice President e Group Executive di IBM Technology Group. “Power Mac G5 è il risultato della leadership Apple nel campo dell'innovazione e dell'impareggiabile tecnologia IBM nella realizzazione di processori, ed è anche un assaggio di quello che i nostri clienti potranno aspettarsi in futuro da questa partnership rinsaldata”.
Le prestazioni dell'unità PowerPC G5 rappresentano una vera rivoluzione nel mondo dei microprocessori. Grazie alla tecnologia di elaborazione targata IBM, l'avanguardia del settore, PowerPC G5 offre ai professionisti della creatività una potenza a 64 bit senza confronti, supportando nel contempo le applicazioni a 32 bit in modo nativo. PowerPC G5 presenta velocità di clock fino a 2GHz e può gestire un massimo teorico di circa 18 sbalorditivi exabyte di memoria (pari a 18 miliardi di miliardi di byte). L'architettura PowerPC di prossima generazione è basata su un innovativo core di esecuzione che presenta una massiccia elaborazione parallela in grado di supportare – per la prima volta al mondo – 215 istruzioni in contemporanea, pieno multi-processing simmetrico, due unità in virgola mobile a doppia precisione e un'unità Velocity Engine™ ottimizzata.
IBM produce i processori PowerPC G5 nel nuovo, modernissimo stabilimento da 3 miliardi e 300 milioni di dollari a East Fishkill, New York, utilizzando tecnologie di fabbricazione leader di settore. L'adozione di circuiti ultrasottili, dello spessore di 130 nanometri (circa 800 volte più fini di un capello), consente all'azienda di racchiudere in questo processore prestazioni eccezionali e nuove funzionalità. Un singolo PowerPC G5 contiene 28,73 metri di interconnessioni di rame e 58 milioni di transistor basati sull'efficiente tecnologia SOI (Silicon-On-Insulator) di IBM.
Il processore PowerPC G5 integra un'innovativa interfaccia a 1GHz per velocizzare il trasferimento delle informazioni al controller di sistema G5. L'interfaccia può fornire al processore un'ampiezza di banda senza precedenti, fino a 8GBps, sufficiente a trasmettere un film intero in meno di un secondo. Oltre a supportare l'elaborazione a 64 bit per le applicazioni emergenti, l'architettura PowerPC G5 è pienamente compatibile con gli attuali programmi a 32 bit. Il controller di sistema G5, sviluppato da Apple, è uno dei circuiti ASIC (Application Specific Integrated Circuit) più veloci sul mercato. Progettato appositamente per un'integrazione ottimale, il controller presenta un'architettura point-to-point leader di settore, che garantisce la massima ampiezza di banda a livello di sistema. Dispone di una varietà di interfacce ad alte prestazioni: interfaccia processore a 1GHz, interfaccia di memoria DDR a 128 bit e 400MHz, interfaccia HyperTransport a 800MHz e interfaccia grafica AGP 8X Pro.
IBM è un'azienda innovatrice affermata nell'industria dei chip, poiché ha introdotto per prima novità quali cablaggi in rame più efficienti rispetto a quelli in alluminio, transistor SOI e al silicio-germanio più veloci, nonché un migliore isolamento dielettrico low-k fra i cavi dei chip. Queste e altre innovazioni hanno contribuito a fare di IBM l'azienda numero uno nella classifica dei possessori di brevetti negli Stati Uniti per dieci anni consecutivi. Ulteriori informazioni su IBM Microelectronics sono disponibili all'indirizzo: www.ibm.com/chips.
IBM Microelectronics svolge un ruolo di fondamentale importanza nel posizionamento di IBM quale primo fornitore mondiale di information technology. Infatti sviluppa, produce e commercializza semiconduttori all'avanguardia e prodotti, servizi e tecnologie di interconnessione. Le attività di IBM Microelectronics si concentrano in tre aree principali: chip ASIC personalizzati, unità standard basate su PowerPC e servizi per fusioni high-tech. Le eccellenti soluzioni integrate dell'azienda sono adottate da molti dei marchi più conosciuti al mondo nel campo dell'elettronica.

Apple ha dato il via alla rivoluzione dei personal computer, negli anni '70, con Apple II, e ha proseguito su questa strada, reinventando il personal computer, un decennio più tardi, con l'introduzione di Macintosh. Da allora, Apple si impegna a offrire la migliore esperienza informatica possibile a studenti, insegnanti, professionisti della creatività e utenti di tutto il mondo, grazie a un'innovativa gamma di prodotti hardware, software e Internet.
Contatti Stampa:
Tiziana Scanu
Apple Italia
scanu.t@apple.com
Tel. 02 27326372
© 2003 Apple. Tutti i diritti riservati. Apple, il logo Apple, Mac, Mac OS, Macintosh, Power Mac e Velocity sono marchi registrati o marchi di Apple. Tutti gli altri nomi di società e prodotti citati possono essere marchi dei rispettivi proprietari.